Domenica alle 9 su Rete4 con Terre di Pisa insieme a Davide Banzato

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 mag. (askanews) - Dai tempi del Gran Tour ad oggi la città di Pisa è stata meta di viaggi non solo spirituali, ma anche architettonico-artistici. Il luogo più identificativo della città e maggiormente visitato è la celebre Piazza Dei Miracoli, un monumento patrimonio dell'umanità. Scopriremo la spiritualità a Pisa e le bellezze artistiche che questo territorio custodisce. Sono numerose le pievi costruite secondo i canoni del romanico pisano che circondano la città. Queste chiese, oltre ad essere sempre state importanti punti di riferimento religioso per i comuni che le ospitano, sono inserite oggi all'interno di itinerari di turismo lento, fatto nel rispetto dell'ambiente naturale e della sacralità di questi luoghi.

In città, oltre al maestoso Duomo e alla suggestiva Piazza dei Miracoli, nella zona di San Piero a Grado sorge un'importante Cattedrale, costruita sui resti di un edificio paleocristiano. La sua edificazione è legata alla figura di San Pietro Apostolo, che in questo luogo sbarcò nel suo viaggio dalla Palestina a Roma e dove, si dice, celebrò la prima messa su territorio italiano.

Andremo anche a Volterra dove sorge la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Questo luogo, nei secoli prestigiosa e significativa sede vescovile, è il centro religioso della vita della comunità. Gli artisti con le loro creazioni ci aiutano a rendere evidente la bellezza del volto di Dio, avvicinandoci al messaggio cristiano. Un'opera d'arte è infatti sempre espressione di un'esperienza spirituale. A Volterra la Pinacoteca Civica di Volterra custodisce numerosissimi esempi di opere in grado di mostrare lo stretto legame tra arte e spiritualità. Vi aspettiamo domenica su Rete4 con Davide Banzato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli