Domenico Ciampà sbotta contro lo carenza di supporto

·2 minuto per la lettura

“Quanto si ritiene importante nella nostra bella Italia salvaguardare le aziende e gli imprenditori?” A porsi questa domanda è Domenico Ciampà, titolare di Dafgan e socio di Fabrizio Corona che, a pochi giorni da settembre e quindi da quello che si spera dovrebbe essere un “nuovo inizio” si pone degli interrogativi sul futuro delle sue aziende e delle aziende italiane in genere.

“Credo sia ormai impossibile e controproducente continuare a rimandare una riflessione sulla indispensabilità di un salto culturale della gestione del supporto alle piccole aziende come la mia che pur essendo piccola ha gia portato grandi risultati e promette di portarne altri ancora più grandi a patto di non essere soffocata da una burocrazia che se era pesante prima ora è diventata insopportabile, da tasse inconcepibili e da una totale carenza di supporto da parte delle istituzioni”.

Problemi, questi, che tuttavia non riguardano solo il settore tessile. “Più in generale credo dovremmo riflettere su quanto sia ormai difficile fare impresa in Italia – continua Ciampà – Per chi come me ha un’ impresa di famiglia importante e affermata da anni e, nonostante questo, non rinuncia a creare nuove imprese e nuovi posti di lavoro non rimane che lottare ogni giorno contro se stessi torturandosi nel dubbio, per niente amletico, che nasce dal chiedersi se veramente ne valga la pena anche alla luce di politiche industriali che hanno sempre privilegiato la grande industria mettendo in secondo piano le piccole imprese che comunque rimangono l’ossatura economica del nostro Paese e che continuamente fuggono all’estero dove trovano le condizioni ideali per lo sviluppo.

Oggi c’è bisogno di progetti che valorizzino il nostro lavoro e le nostre filiere produttive, magari attraverso contributi, incentivi e sgravi fiscali veri per rafforzare e rilanciare la nostra capacità di fare impresa e farci tornare orgogliosamente a sentirci un’ eccellenza italiana” conclude Domenico Ciampà.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli