Don Biancalani: "Governo ipocrita"

webinfo@adnkronos.com

di Giselda Curzi  

"E' imperativo che quelle persone sbarchino a Lampedusa. E' necessario un gesto di civiltà e umanità e per questo mi appello alle istituzioni al governo affinché aprano i porti perché non è accettabile che persone così fragili che scappano da violenze e torture debbano subire anche questo. E' un diritto fondamentale che vengano soccorse". Lo afferma all'Adnkronos Don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro (Pistoia), noto per le tante polemiche sull'accoglienza agli immigrati nella sua parrocchia di Pistoia, dove ora ci sarebbero circa 200 ospiti. 

"E' in gioco la credibilità non solo del governo che ormai veramente non esiste più e per questo chiedo le dimissioni del ministro dell'Interno - ha sottolineato Don Massimo -. E' necessario un cambio di rotta radicale, non si può più sopportare un atteggiamento di questo genere, un governo che obbliga queste persone a non sbarcare, a rimanere per così tanti giorni bloccati: è ovvio che poi si gettano in acqua per raggiungere la costa". 

"La linea del governo e del ministro dell'Interno è irricevibile, ipocrita e falsa dato che da una parte si chiudono i porti e dall'altra arrivano barchini con decine di migranti che sbarcano sulle coste italiane tutti i giorni. L'Italia non merita una politica di questo genere, che si comporta in questo modo scellerato", conclude don Massimo Biancalani.