Don Bonaiuto contro Fontana su case chiuse: Lombardia pappona

Cro

Roma, 15 nov. (askanews) - "Mentre a Fabriano, al termine della presentazione del mio libro 'Donne crocifisse', il sottosegretario all'Interno, Carlo Sibilia faceva con coraggio e convinzione 'mea culpa', a nome dell'intera classe dirigente del Paese, per l'abominio della tratta a scopo di prostituzione coatta, ad alcune centinaia di chilometri, il governatore della Lombardia ricadeva nell'antica e diabolica tentazione di auspicare la legalizzazione di questa indegna forma di schiavitù". Così don Aldo Bonaiuto della associazione Comunità Papa Giovanni XXIII fondata da don Oreste Benzi.

(Segue)