Dona organi da positivo al Covid: morta donna ricevente

·1 minuto per la lettura
trapianto polmoni covid
trapianto polmoni covid

Una donna negli Stati Uniti è morta due mesi dopo essersi sottoposta ad un trapianto doppio dei polmoni. La causa è stata il Covid-19. Il donatore, infatti, era positivo al virus, ma in fase di controllo degli organi nessuno se ne era accorto. Anche uno dei medici che si è occupato della operazione, inoltre, è stato contagiato dopo avere maneggiato i polmoni.

La vicenda

Il caso è accaduto in Michigan, negli Stati Uniti. L’ospedale che si è occupato del trapianto ha assicurato che i tamponi naso-faringei di donatore e ricevente erano risultati negativi ai controlli. “Non avremmo assolutamente usato i polmoni se avessimo avuto un test Covid positivo“, ha detto dottor Daniel Richard Kaul, direttore della struttura. “Tutti controlli che normalmente facciamo e siamo in grado di fare, li abbiamo fatti“. Le condizioni di salute della donna, tuttavia, dopo tre giorni dal trapianto si sono aggravate, fino a portare al decesso a due mesi dall’operazione.

La vicenda resta dunque ancora un mistero. “L’anamnesi ottenuta dalla famiglia non ha rivelato precedenti di febbre, tosse, mal di testa o diarrea recenti. Non è noto se il donatore abbia avuto esposizioni recenti a persone note o sospettate di essere infette da SARS-CoV-2“, hanno aggiunto gli esperti. Sta di fatto che il campione di fluido prelevato dai polmoni è risultato positivo al test.

La ricerca sul caso ha per cui concluso che “i centri di trapianto e le organizzazioni per l’approvvigionamento di organi dovrebbero considerare la possibilità di eseguire test SARS-CoV-2 su campioni del tratto respiratorio da potenziali donatori di polmoni”.