Donald Trump sbaglia a disegnare la bandiera americana? Nasce un caso

Donald Trump e la riga blu (screenshot Twitter)

Donald Trump non ha avuto da affrontare, in questi giorni, solo la polemica sulla commemorazione dell’ex candidato alla Presidenza John McCain; c’è stata anche un’altra faccenda riguardante la bandiera americana che ha spopolato sulle bacheche dei social.

Mentre per McCain alla fine è stata issata la bandiera americana a mezz’asta, dopo una scia di polemiche che trovano radici nelle profonde differenze politiche tra il defunto veterano e l’attuale presidente, a Trump è stato contestato di non saper disegnare la bandiera degli Stati Uniti. La prova di ciò la vedete nella foto a inizio articolo.

La cosa interessante è che Trump, impegnato con i bambini del Nationwide Children’s Hospital di Columbus, Ohio e in compagnia della moglie Melania, aveva cominciato a disegnare in modo corretto la sua bandiera, cominciando con la prima riga rossa nella parte alta.

Donald Trump al Nationwide Children’s Hospital di Columbus, Ohio. (AP Photo/Evan Vucci)

In molti si chiedono se sia veramente un errore o se ci sia qualcos’altro. D’altronde, se non fosse stato sicuro dei colori, avrebbe potuto guardare la sua spilla sulla giacca per scoprire la reale composizione della bandiera. Su Twitter, molti sono sicuri che si tratti invece di un errore vero e proprio.


In realtà ci sono solamente due ipotesi possibili in questa strana vicenda. La prima è che Trump, nonostante veda in continuazione la bandiera americana, in ufficio e ovunque vada, sia sicuro che in mezzo all’alternanza di righe bianche e rosse ci sia anche una riga blu. La seconda è che Trump stesse semplicemente provando il pennarello o che non stesse colorando seriamente la bandiera. E questo non lo può sapere nessuno tranne lo stesso Trump e i bambini al suo fianco.

Donald Trump al Nationwide Children’s Hospital di Columbus, Ohio. (Getty Images)

In ogni caso, questa vicenda è del tutto coerente con altre ‘gaffe’ apparentemente inspiegabili di Trump, seppur non sia chiaro il contesto, e mostra un certo attaccamento dei social e in generale della stampa verso ogni minimo dettaglio fuori posto del discusso presidente.

La violenta discussione nata sui social su questo argomento è sintomo di una mancanza di cultura politica, che mette davanti la ricerca del pelo nell’uovo senza osservare l’operato nel lungo periodo di presidenti, ministri e altri politici – questo sì criticabile o apprezzabile a seconda dei casi con tanto di approfondimenti, reportage e via dicendo.

Il caso della bandiera sbagliata di Trump rimarrà comunque uno dei più misteriosi e curiosi della prima parte della sua legislatura.

Guarda anche: