Donna con figlio disabile perde casa popolare per un camper

Xfi

Firenze, 7 ago. (askanews) - Una donna single di 53 anni, a Prato, ha perso il diritto, dopo 15 anni, alla casa popolare, con a carico un figlio autistico, perché ha acquistato un camper. E' la storia portata alla ribalta da La Nazione. Le "vittime" sono Rossana Stella, dipendente dell'Asl, e suo figlio Luigi di 27 anni, faetto da autismo nella forma più grave e che vive con lei in un appartamento nel quartiere San Giusto. Secondo la versione fornita dal Comune di Prato, si tratta solo dell'applicazione della nuova legge regionale, approvata nel gennaio scorso, che prevede che chi è assegnatario di casa popolare non possa possedere veicoli di potenza superiore a 80 kw e purtroppo questo camper di kw ne ha 96. Ed ecco che Rossana ha ricevuto l'intimazione a lasciare la casa entro 60 giorni.