Donna del mese di febbraio 2020: Annalisa Malara

Nata a Cremona nel 1982, Annalisa Malara studia e si è specializza in Anestesia e Rianimazione all’Università di Pavia. Comincia la sua formazione al Policlinico San Matteo di Pavia, esercita poi all’Ospedale civile di Vigevano e all’Ospedale Maggiore di Lodi, struttura collegata all'Ospedale di Codogno. E’ qui che si trova Annalisa Malara il 20 febbraio 2020, quando viene ricoverato il 38enne Mattia, colui che diventerà il ‘paziente 1’ italiano. Nonostante il malato non fosse stato recentemente in Cina, la dottoressa Malara, grazie ad un’intuizione personale, decide di sottoporlo a tampone per il Sars-Cov-2, infrangendo il protocollo relativo ai casi in cui era necessario effettuare il test per il nuovo Coronavirus. Il paziente risulta positivo e da quel momento nel Paese scatta l’allarme.