Donna trovata morta a Trieste: a trovarla la Polizia che doveva notificarle un atto

·1 minuto per la lettura
Donna trovata morta Trieste
Donna trovata morta Trieste

Tragedia a Trieste, dove mercoledì 1 dicembre 2021 una donna di 43 anni è stata trovata morta nel suo appartamento. Ad effettuare il drammatico rinvenimento è stato il personale della Procura della Repubblica che proprio quel giorno avrebbe dovuto notificarle un atto giudiziario per le violenze che avrebbe subito tempo fa dal compagno.

Donna trovata morta a Trieste

I fatti hanno avuto luogo nel pomeriggio, quando le autorità hanno suonato il campanello della sua abitazione per la notifica. Non vedendola rispondere hanno chiamato i Vigili del Fuoco per aprire la porta d’ingresso della casa e si sono ritrovati davanti il cadavere di Alina Trush, questo il nome della donna, riverso sul pavimento.

Secondo le prime indiscrezioni, la morte risalirebbe al giorno prima e in casa non sarebbero state trovate tracce di sostanze stupefacenti né evidenti tracce ematiche. La Polizia scientifica, la polizia di Stato e il medico legale Fulvio Costantinides hanno effettuato i rilievi per ricostruire cosa sia successo alla donna e capire se sia morta suicida, uccisa o per overdose. Al momento tutte le piste restano aperte.

Donna trovata morta a Trieste: un condomino ha sentito delle urla

Le forze dell’ordine hanno anche raccolto le testimonianze degli altri condomini tra cui quella di un uomo che ha sostenuto di aver sentito delle urla provenire dall’appartamento di Alina nella giornata di domenica 28 novembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli