Donna uccisa nella sua abitazione: marito confessa omicidio

·1 minuto per la lettura
Cantante uccisa Palermo
Cantante uccisa Palermo

Tragedia a Palermo, dove una cantante neomelodica di 32 anni è stata uccisa nella propria abitazione. Autore dell’omicidio sarebbe il marito, che si è presentato personalmente ai Carabinieri per costituirsi ha confessato di aver compiuto il delitto.

Cantante neomelodica uccisa a Palermo

I fatti sono avvenuti domenica 7 febbraio 2021 in via Vanvitelli (quartiere Cruillas) dove Piera Napoli, questo il nome della vittima, viveva col marito Salvatore Baglione, 37 anni. Secondo le prime ricostruzioni le forze dell’ordine hanno rinvenuto la donna in una pozza di sangue con ferite di arma da taglio. Dettaglio che fa pensare sia stata accoltellata.

Intorno alle 13 l’uomo si è presentato alla stazione dei carabinieri di Uditore dicendo di aver ucciso la moglie. Nel frattempo i colleghi che si sono recati presso l’abitazione hanno eseguito tutti i rilievi necessari e sequestrato un grosso coltello da cucina che potrebbe essere l’arma del delitto. Hanno inoltre fatto giungere il medico legale e il pubblico ministero di turno. Quest’ultimo si è poi recato in caserma dove inizierà l’interrogatorio dell’uomo per cercare di ricostruire la dinamica di quanto successo

Amante della musica napoletana con diversi lavori all’attivo, un discreto seguito e migliaia di visualizzazioni su YouTube (anche se da un paio di anni non pubblicava nuovi brani), Piera aveva tre figli. I due più grandi, gemelli, avevano soltanto 11 anni. Il suo omicidio giunge a pochi giorni di quello, sempre nella medesima città, di Roberta Siragusa.