Donna vuole sposarsi con un lampadario: “Il nostro amore durerà”

donna vuole sposarsi con un lampadario

E’ proprio il caso di dirlo: l’amore è cieco e senza confini. E qualche volta anche piuttosto stravagante. La storia di Amanda Liberty ne è la conferma. La donna vuole sposarsi con un lampadario e dichiara che la loro è una relazione aperta con altri oggetti. La 35enne è originaria di Leeds, in Gran Bretagna.

Donna vuole sposarsi con un lampadario

E’ decisa ad arrivare all’altare al fianco del suo amato lampadario. Si chiama Lumiere e, a sua detta, è una femmina. Per il nome forse l’ispirazione arriva dal famoso candelabro del cartone Disney “La bella e la bestia”. Così spiega Apost.com. Ma Liberty pare essersi invaghita di altri oggetti inanimati. Il suo amore sconfinato per Lumiere è intrecciato con una serie di relazioni con altri apparecchi per l’illuminazione.

“Ho intenzione di fare questo matrimonio per dimostrare che sono qui per Lumiere e che il mio amore è destinato a durare,” ha dichiarato con decisione al The Mirror. E ancora: “So che la gente pensa che la mia attrazione per le lampade sia stramba, ma non sono pazza“. “Lucido anche Lumiere quasi tutte le sere per far sì che appaia al meglio”, ha confidato con amore.

Liberty si identifica in un’oggettofila, poiché risulta profondamente attratta dagli oggetti. La sessualità oggettuale (SO) è “un fenomeno psicologico inusuale in cui un individuo sente un forte affetto verso un particolare oggetto inanimato, ossia si “innamora” di un oggetto che può essere un tavolo in particolare, un treno o una porta”. Questa la descrizione fornita da Health Guidance.org. Lei ribadisce: “Non faccio del male a nessuno ad avere una relazione con degli oggetti inanimati. Sto semplicemente seguendo il mio cuore“. E ancora: “La gente di solito non capisce che è solo un naturale orientamento per me. Faccio questo nella speranza che la gente comprenda il nostro amore. Se non lo capisce, che perlomeno lo accetti”.

Il The Mirror, inoltre, fa sapere che “Liberty” non è il suo nome di battesimo, ma quello acquisito dalla sua precedente relazione con la Statua della libertà. Amanda era profondamente innamorata della statua da lei soprannominata “Libby”. Tuttavia, pare sia colpa della distanza se la 35enne inglese ha deciso di interrompere la relazione.