Donne afgane: cinque star della robotica accolte in Messico

·1 minuto per la lettura
featured 1483218
featured 1483218

Roma, 25 ago. (askanews) – Il Messico accoglie cinque ricercatrici afgane, appartenenti a un team di robotica, cinque giovani donne che hanno deciso di abbandonare il loro paese dopo la presa di potere dei talebani.

Le giovani non sono state identificate per motivi di sicurezza e sono state ricevute all’aeroporto dal ministro degli Esteri del Messico, Marcelo Ebrard. In quattro hanno partecipato a una conferenza stampa: “Siamo felici di avere l’onore di essere qui e di essere in salvo. Siamo grate al governo messicano per averci salvato la vita, ora avremo maggiori opportunità di avere nuovi risultati”.

Secondo il ministero degli Esteri, le giovani avranno un visto umanitario per 180 giorni e avranno poi la possibilità di scegliere un altro status. La loro è una storia celebre: l’equipe afgana di robotica composta da una ventina di donne, molte ancora adolescenti, ha vinto premi internazionali, uno per la costruzione con pezzi di autovetture riciclati di un respiratore per i malati di Covid.

“Siete a casa”, ha detto il ministro degli Esteri Ebrard, “ve lo dico con il cuore, il Messico fa onore alla sua tradizione e al futuro che vorrete. Siete le benvenute, contate su di noi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli