Donne: D'Elia (Pd), 'riconoscere cognome materno è atto dovuto'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 25 giu. (Adnkronos) – “Spesso alle donne non vengono riconosciute competenza e credibilità. Non si dà credito alla parola femminile e su questo va fatto un grande lavoro di cambiamento culturale. Un lavoro di sostegno con politiche pubbliche, ma anche con alcune leggi importanti, tra cui quella che prevede la trasmissione del cognome materno”. Lo afferma, nel corso di un’intervista a Radio Immagina, la presidente della conferenza delle democratiche e responsabile Politiche per la Parità del Pd Cecilia D’Elia.

“Credo che sia una cosa dovuta, a quarant’anni dall’abolizione del delitto d’onore e del matrimonio riparatore che risale al 1981. Abbiamo ancora una permanenza nel diritto familiare di questo segno patriarcale, per cui dopo nove mesi una donna partorisce e il suo cognome scompare definitivamente, anche dalla genealogia. Sembra una cosa poco importante – conclude D’Elia – ma invece segna in maniera molto forte. È una riforma che non costa nulla, che è davvero ora di fare”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli