Dopo 30 anni la Madonna Litta di Leonardo torna in mostra a Milano

Alp

Milano, 10 ott. (askanews) - Dopo quasi trent'anni, la "Madonna Litta" di Leonardo da Vinci torna nella sua Milano dove rimarrà esposta per tre mesi a partire dal prossimo 7 novembre al museo Poldi Pezzoli. La mostra è stata presentata oggi nel corso di una affollata conferenza stampa a Palazzo Marino dall'assessore alla Cultura, Filippo Del Corno, dalla direttrice del Poldi Pezzoli, Annalisa Zanni, dal curatore Pietro C. Marani e da Diana Bracco, presidente dell'omonima Fondazione che è main partner dell'iniziativa, assieme al Comune di Milano e alla Regione Lombardia.

Con il celebre dipinto dell'Ermitage di San Pietroburgo, eseguito nel capoluogo lombardo nel 1490 circa, saranno esposti una ventina tra dipinti e disegni realizzati da Leonardo e dai suoi allievi più vicini (da Marco d'Oggiono all'ancora misterioso Maestro della Pala Sforzesca fino Francesco Napoletano) negli ultimi due decenni del Quattrocento, quando il maestro viveva e lavorava per la corte di Ludovico il Moro a Milano. Tra questi, la "Madonna con il Bambino" dipinta intorno al 1485-1487 da Giovanni Antonio Boltraffio sulla base probabilmente di studi preparatori messi a punto dal suo maestro, Leonardo.

Nel Ducato milanese la "Madonna Litta" conobbe una notevole fortuna, come testimoniato dal grande numero di copie e derivazioni eseguite da artisti lombardi che ci sono pervenute. Nell'800, inoltre, era l'opera più rinomata di una delle più importanti collezioni di opere d'arte milanesi, quella dei duchi Litta (da cui deriva il soprannome) ed era conservata nel grande palazzo di corso Magenta. L'Ermitage l'acquistò nel 1865 dal duca Antonio Litta Visconti Arese (1819-1866).

(segue)