Dopo 76 anni chiude il Lido, mitico cabaret parigino

MAXIME GRUSS / HANS LUCAS / HANS LUCAS VIA AFP

AGI - Il mitico Lido di Parigi, che ha accolto milioni di turisti in 76 anni di vita, ha chiuso. E' la fine di un'epoca. A nulla è servita la petizione lanciata su change.org e indirizzata al Comune e al presidente francese Emmanuel Macron: sabato è andato in scena l'ultimo spettaccolo.

Il proprietario, il gruppo alberghiero Accor, ha annunciato che la sala sugli Champs-Elysees dove si svolgeva il cabaret e si esibivano le famose 'Bluebell Girls' sarà d'ora in poi utilizzata come una semplice sala di spettacoli.

Ai dipendenti, ha promesso Accor, saranno offerte posizioni all'interno del gruppo. La chiusura è dovuta alle pesanti perdite registrate negli ultimi dieci anni. Il canone di locazione è molto alto (almeno 5 milioni di euro l'anno secondo una fonte citata dal primo canale televisivo francese Tf1).

Prima della seconda guerra mondiale, il Lido era un luogo di divertimento per le classi agiate, dotato di una piscina. Si chiamava 'La Plage de Paris', ossia la "spiaggia di Parigi".

Nel 1946 i fratelli Joseph e Luigi Clerico, imprenditori edili di origine italiana, lo acquistarono (il locale era situato al numero 78 dell'Avenue des Champs-Elysées). Dopo averlo ristrutturato completamente decisero di chiamarlo Lido, in riferimento ai decori originali di inizio Novecento che si ispiravano alla spiaggia del Lido di Venezia.

L'inaugurazione ufficiale avvenne il 20 giugno 1946 con lo spettacolo "Sans rimes, ni raisons". Il successo fu immediato e da quel momento la fama del Lido si estese ben oltre Parigi e i confini nazionali.

Dotati di uno spiccato senso degli affari, i fratelli Clerico idearono anche la formula "spettacolo con cena" che venne successivamente adottata dai cabaret di tutto il mondo.

Nel 1977 il Lido si è poi trasferito nell'attuale sede sugli Champs-Élysées.

Edith Piaf, Marlene Dietrich, Josephine Baker, le sorelle Kessler, Laurel e Hardy, Dalida, Shirley MacLaine e Elton John sono fra i più artisti che si sono esibiti sul suo palcoscenico. Aperto 365 giorni l'anno, proponeva due spettacoli ogni sera.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli