Dopo Berlino esce “Volevo nascondermi” con Elio Germano-Ligabue

Dopo Berlino esce “Volevo nascondermi” con Elio Germano-Ligabue

Roma, 3 mar. (askanews) – Dopo aver conquistato l’Orso d’argento a Berlino per il miglior interprete maschile, Elio Germano, e dopo l’uscita nelle sale del 27 febbraio rimandata per l’emergenza coronavirus, dal 4 marzo arriva al cinema “Volevo nascondermi” di Giorgio Diritti, film che racconta la storia del pittore Antonio Ligabue.

Nato in Svizzera, espulso in Italia e cresciuto in provincia di Reggio Emilia, ebbe un’infanzia difficile, solo e affetto da rachitismo ma visse il suo riscatto attraverso l’arte e la pittura fino a trasformarsi nel grande pittore naif e immaginifico capace di dipingere il suo mondo fantastico di tigri, gorilla e giaguari. Una favola in cui emerge la ricchezza della diversità come ha detto lo stesso Elio Germano presentando il film alla 70esima Berlinale.

“Un personaggio che mi ha subito colpito per la sua energia vitale, volontà di essere se stesso, contro tutto e tutti, con la sua fragilità, il suo essere sbagliato, con la sua diversità, trovare una forma di dignità in questo senza mai accettare nessun compromesso”.

E il regista, Giorgio Diritti, a Berlino ha spiegato: “La sua singolarità mi è sembra sembrata un qualcosa di utile per tutta l’umanità, ha sempre lottato nella vita e cercato di affermare la sua volontà di essere uomo e ha espresso il desiderio che questo riconoscimento avvenisse attraverso l’arte”.