Dopo il coronavirus, per la Cina anche l'allarme locuste

Orm

Roma, 2 mar. (askanews) - Ancora in pieno allarme coronavirus, la Cina ora teme di dovere anche affrontare un'invasione di locuste, già realtà nei vicini Pakistan e India.

"Anche se il rischio non è alto, la Cina avrebbe problemi a tracciare le locuste a causa della mancanza di tecniche di monitoraggio e di scarsa conoscenza delle tendenze nella migrazione di questo insetto", osserva l'Amministrazione Nazionale Cinese Foreste in una nota sul suo sito web, riportato dall'agenzia Xinhua.

Dopo l'Africa, enormi sciami di locuste, dall'effetto devastante sull'agricoltura, si sono mossi verso il Medio e l'Asia.