##Dopo il Trattato Inf torna l'ombra degli Euromissili -2-

Mgi/Orm

Roma, 2 ago. (askanews) -

"Oggi, il Trattato Inf cessa di esistere. La Russia è la sola responsabile della fine del Trattato. Nato risponderà con misura e responsabilità e continuerà a garantire in modo credibile deterrenza e difesa credibili", ha scritto sul suo account Twitter il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

Mosca ha tuttavia lasciato la porta aperta ad una possibile moratoria sul dispiegamento di nuovi armamenti: "Abbiamo proposto agli Usa e ad altri Paesi Nato di valutare la possibilità di dichiarare lo stesso tipo di moratoria sul dispiegamento dei missili di raggio breve e intermedio, come quella annunciata da Vladimir Putin", ha detto il viceministro degli Esteri Sergey Ryabkov, secondo l'agenzia Tass.

Ryabkov ha tradotto in proposta di moratoria quando detto dal presidente russo riguardo la possibilità di astenersi, sia da parte russa, sia da parte staunitense, dal dispiegamento di missili in regioni di particolare rilievo per le due parti. Putin, ha ricordato il viceministro, ha detto che "se gli Stati Uniti non dispiegheranno assetti in certe regioni, allora la Russia si asterrà da analoghe iniziative".(Segue)