##Dopo la testa di Bolton, Nordcorea vuole quella di Pompeo

Mos

Roma, 20 set. (askanews) - Dopo aver ottenuto la testa del "falco" John Bolton, la Corea del Nord punta ora a far saltare anche il segretario di Stato Usa Mike Pompeo? Di fatto, Pyongyang ha chiesto lo scalpo del capo della diplomazia americana, definendolo un "fattore destabilizzante", al presidente americano Donald Trump, il quale ieri ha chiaramente collegato il siluramento del suo ex consigliere di sicurezza nazionale al suo atteggiamento troppo intransigente sul tavolo del negoziato nucleare nordcoreano.

Un giornale affiliato alla Corea del Nord, il Choson Sinbo, ha sostenuto oggi che l'uscita di scena di Bolton è "una buona cosa", anche perché a suo dire fu proprio lui il principale responsabile del fallimento del summit di Hanoi a febbraio. Ma ha aggiunto che ora tocca a Pompeo. "E' una buona cosa che il presidente Trump si sia liberato di lui, rispettando l'opinione del Nord, ma alla Casa bianca il fattore destabilizzante del segretario di stato Pompeo rimane", ha scritto il giornale. (Segue)