Dopo le amministrative nella Lega potrebbe palesarsi una fronda interna

Eliano Imperato / Controluce via AFP

AGI - Salvini ha ripreso a scrivere nelle chat interne della Lega: la prima volta venerdì per annunciare che "si sta aprendo la possibilità di incontrare, per parlare di cessate il fuoco, forniture di grano e ritorno al dialogo, rappresentanti dei governi di Russia e Turchia, nonché rappresentanti di altri governi e istituzioni internazionali".

La seconda volta questa mattina, per dire che "la Lega è una grande squadra, che ha vinto e vincerà ancora a lungo, per questo il tentativo di alimentare litigi e divisioni si ripete sempre uguale, noioso e inutile. In una grande squadra ci sono giocatori con caratteri diversi, ma gli obiettivi sono comuni e concreti".

A rispondergli circa una cinquantina di parlamentari. Per manifestargli il proprio sostegno con commenti del tipo 'bravo Matteo' e 'forza Matteo'.

Ma il messaggio del 'Capitano' è servito anche per sondare il terreno. Pesano infatti pure i silenzi.

"Si sta formando una fronda. Si sta strutturando", dice un 'salviniano'. L'annuncio del viaggio di Salvini a Mosca ha aperto, rimarca una fonte parlamentare 'ex lumbard', una nuova crepa nel partito di via Bellerio.

Giorgetti assicura che "non ci sono dissidi interni" ma, allo stesso tempo, avverte che a decidere "sulla situazione del mio partito saranno gli elettori. Sono gli elettori che decidono se siamo bravi o no".

Il sospetto dei fedelissimi del segretario è che i 'governisti' punteranno a scaricare un eventuale flop alle amministrative proprio sul leader e che dopo il 12 giugno potrebbe partire l'attacco alla guida del partito.

Nella Lega per Salvini premier è proprio il segretario che convoca il Consiglio federale e il congresso e per il momento non si vede all'orizzonte chi possa eventualmente sfidarlo.

Ma il termometro della temperatura interna al partito saranno proprio le urne. Variano i giudizi nei confronti dell'operato dell'ex ministro dell'Interno: c'è chi pone l'accento sulla superficialità con cui si è mosso, chi continua a consigliargli di confrontarsi con la classe dirigente e non con consulenti che non fanno parte del pianeta Lega e chi ritiene che sia in corso un attacco mediatico senza precedenti.

Ma l'operazione Mosca viene comunque considerata da diversi esponenti del partito come un autogol, perché se gli oppositori del 'Capitano' - il Pd e non solo - puntano il dito sugli 'affari' tra il Carroccio e la Russia, anche chi lo difende parla di effetto boomerang, perché "in questo modo - osserva un dirigente 'ex lumbard' - si da la sponda a coloro i quali pensano che Salvini si muove per interessi elettorali".

Tesi che il segretario respinge: "Noi - taglia corto - da settimane lavoriamo per la pace, dialogando con tutti per arrivare ad un cessate il fuoco, mentre il Pd parla solo di armi e guerra". Ed ancora: "Bene, le armi più potenti sono dialogo e diplomazia, l'impegno per la Pace vale più di qualsiasi critica".

Ma Letta insiste. La politica estera è stato il tema dibattuto anche durante la segreteria del Nazareno, il messaggio è che Salvini in questo modo mette in difficoltà "la maggioranza e il governo", insomma "noi chiediamo chiarezza, non può terminare a tarallucci e vino".

Il Copasir ha acceso un faro sull'avvocato Capuano e lo stesso Draghi a domanda sull'idea di Salvini di andare a Mosca ha rilanciato quanto aveva affermato proprio al Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica: "L'importante è che i rapporti siano trasparenti".

"Il governo - ha aggiunto - è fermamente collocato nell'Ue e nel patto atlantico. Su questo binario si è sempre mosso e continuerà a muoversi, allineato con gli altri partner del G7 e dell'Ue".

"È molto grave ciò che sta accadendo contro Salvini in queste ore in Italia e persino a Bruxelles. È in atto una manovra per screditarlo", osserva il senatore Giro che ha la doppia tessera FI-Lega.

"Due pesi e due misure. Salvini parla di pace, ma viene attaccato e insultato; altri, di armi e scontri, ma si ergono a persone responsabili", osserva il vicesegretario della Lega Fontana, "il leader della Lega non ha mai stretto accordi con Putin. Ma, evidentemente, tutto questo non conta. Tutto ciò è semplicemente indegno".

"È del tutto evidente che Salvini è sotto attacco. Da Goldman Sachs al Pd, il nemico è uno solo: Salvini. Vuol dire è dalla parte giusta", rimarca Borghi.

Ma il timore in qualche 'big' della Lega è che possano essere gli Stati Uniti a reagire in modo negativo all'attivismo di Salvini, che avrebbe incontrato anche l'ambasciatore russo in Italia.

Giorgetti in ogni caso mette in evidenza i rischi del prolungamento del conflitto in Ucraina.

"Nessun si è illuso di sconfiggere Putin con le armi però - ha rimarcato - forse ci siamo illusi di sconfiggere Putin con le sanzioni economiche, cioè facendo una guerra economica e commerciale".

Ma Salvini, pur puntando a stemperare il clima di tensione - dopo i distinguo del ministro dello Sviluppo - parlando di "pettegolezzi e polemiche", tira dritto e rilancia le battaglie della Lega, a partire dal referendum sulla giustizia.

Domani è previsto un presidio davanti al tribunale di Milano e una protesta formale contro il silenzio dei media sulla consultazione. Ma la preoccupazione dei leghisti è che a decidere le sorti del partito a questa tornata amministrativa possano essere proprio i viaggi, fatti o annunciati, del 'Capitano'.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli