Dopo le foto del bacio, si dimette il ministro della Salute britannico Hancock

·3 minuto per la lettura

AGI - Ha resistito per 24 ore, poi ha dovuto presentare le dimissioni: Matt Hancock ha lasciato l'incarico di ministro della Salute. A travolgerlo non è stata la gestione dell'epidemia di Covid nel Regno Unito, ma un bacio infuocato con la collaboratrice Gina Coladangelo, sbattuto in prima pagina dal Sun.

Quando lo scandalo è venuto alla luce, Hancock ha provato a sgonfiare la vicenda, scusandosi per non aver rispettato le regole del distanziamento sociale: la foto risale al 6 maggio, quando i cittadini dovevano evitare contatti fisici con persone non appartenenti alla loro cerchia. 

Scuse accettate dal premier Boris Johnson che, pur essendo sotto pressione, ieri ha confermato la fiducia al suo ministro, finito spesso negli ultimi tempi sulla graticola. Ma di fronte al montare della vicenda, Hancock non ha potuto fare altro che presentare le dimissioni. 

"L'ultima cosa che voglio è che la mia vita privata distragga l'attenzione dall'unico obiettivo che ci sta portando fuori da questa crisi", ha affermato, facendo riferimento alla campagna di vaccinazione.

"Voglio ribadire le mie scuse per aver infranto le regole e scusarmi con la mia famiglia e i miei cari per averli fatti passare attraverso questo. Ho anche bisogno di stare con i miei figli in questo momento", ha aggiunto Hancock, finito nel mirino dell'opposizione laburista anche per la nomina opaca della Coladangelo alla guida della sua squadra di consulenti.

Arrivata al ministero circa un anno fa, la 43enne figlia di un magnate italiano della farmaceutica è amica di Hancock fin dai tempi in cui entrambi frequentavano l'Università di Oxford. Ma, soprattutto, è la moglie di Oliver Tress, uomo molto in vista, proprietario della catena di gioielli e complementi d'arredo Oliver Bonas, che conta ben 85 negozi in tutto il Paese.

Il capo di Downing Street si è detto "dispiaciuto" nel ricevere la lettera di dimissioni: "Caro Matt, dovresti lasciare l'ufficio molto orgoglioso di quello che hai raggiunto, non solo nell'affrontare la pandemia, ma anche prima che il Covid ci colpisse".

"Sono grato per il tuo sostegno e credo che il tuo contributo al servizio pubblico sia tutt'altro che finito", ha sottolineato Johnson. Per il leader dell'opposizione laburista, Keir Starmer, Hancock ha fatto bene a lasciare, ma è BoJo che "avrebbe dovuto licenziarlo". 

Solo la settimana scorsa, Hancock era finito di nuovo nella bufera, dopo che l'ex super-consulente di Johnson, Dominic Cummings, aveva reso pubblico uno scambio di messaggi Whatsapp avuto con il premier nella primavera del 2020, durante la prima ondata di Covid, nei quali il ministro veniva definito un "incapace".

Sarà l'ex cancelliere dello Scacchiere Sajid Javid a prendere il posto di Matt Hancock alla guida del ministero della Salute. Lo ha annunciato Downing Street.

Ex ministro dell'Interno dal 2018 al 2019, Javid era stato cancelliere dello Scacchiere fino al febbraio del 2020 prima di essere sostituito da Rishi Sunak. La sua uscita dal governo era scaturita da uno scontro con il premier Boris Johnson, il quale pretendeva che il ministro licenziasse tutti i suoi consiglieri e si circondasse di persone indicate direttamente da Downing Street.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli