Dopo l'Emilia Romagna, respiro di sollievo in Europa. Spread ai minimi

Angela Mauro
European Commission President Ursula von der Leyen talks to European Parliament president David Sassoli at the European parliament Tuesday, Jan.14, 2020 in Strasbourg, eastern France. Croatian Prime Minister Andrej Plenkovic will present the priorities of the rotating Council presidency for the next six months. (AP Photo/Jean-Francois Badias)

All’indomani della sconfitta di Matteo Salvini in Emilia Romagna, Paolo Gentiloni ha il volto rilassato di chi ora può dire all’Europa che in Italia il pericolo sovranista è arginato. Il commissario agli Affari economici della squadra von der Leyen arriva al Parlamento europeo per un’audizione in commissione Problemi economici e, prima di entrare, racconta con soddisfazione delle pagine dei quotidiani stranieri dedicate al voto del 26 gennaio in Italia. E’ un voto che “rafforza il governo”, dice Gentiloni, è un voto “europeista”, dice anche il presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Anche Bruxelles tira un respiro di sollievo: stamane lo spread scende ai minimi degli ultimi 3 mesi in Italia, soglia 140, meno 16 punti rispetto al venerdì pre-elettorale: è il segnale che i mercati scommettono sulla stabilità del governo.

“Certamente - afferma Gentiloni - da cittadino posso dire che è stato premiato il buon governo, il lavoro del governatore Stefano Bonaccini. E mi ha fatto molto piacere svegliarmi stamattina con vari notiziari internazionali che parlavano come terza notizia di queste elezioni in Emilia-Romagna, descrivendo l’Emilia come la terra del prosciutto, del Parmigiano, della Ferrari, della Lamborghini, dell’Università di Bologna e di Parma. E’ una regione - continua - che è vista con grande simpatia ed è un’esperienza di buon governo che è stata premiata. E, come commissario europeo, penso che questo possa rafforzare un governo che ha un chiaro orientamento europeista”.

“L’Emilia Romagna ha scelto l’Europa e il buon governo – è il commento di Sassoli - È una importante regione che non si è sottratta a partecipare alle grandi sfide per il cambiamento così come indicato dall’agenda europea. C’è stata una grande partecipazione contro i seminatori di odio. Una energia che i partiti ora non devono disperdere. È un voto di speranza. Buon lavoro a Stefano Bonaccini”.

Una eventuale vittoria di...

Continua a leggere su HuffPost