Dopo lunghi test nuova Opel Astra e' in dirittura d'arrivo

·3 minuto per la lettura

Prosegue secondo la tabella di marcia lo sviluppo della nuovissima Opel Astra e ormai mancano solo poche settimane all'anteprima dell'undicesima serie di questa compatta di grandissimo successo.

Inizialmente creata, come tutte le automobili moderne, con il supporto del computer-aided design, dallo scorso inverno la nuova vettura e' nella fase finale di test, messa a punto e validazione in condizioni reali. L'Opel Astra sta per affrontare il rettilineo conclusivo di quella che e' stata una vera e propria maratona. Gli ingegneri Opel hanno portato prototipi e veicoli di sviluppo all'estremo nord per testare il nuovo modello sulle strade ghiacciate e alle gelide temperature della Lapponia svedese. In Germania invece hanno messo a dura prova le vetture sui circuiti del Centro Prove di Dudenhofen e piu' di recente hanno effettuato delle prove di validazione sulle strade della regione del Reno-Meno. Contemporaneamente la nuovissima Opel Astra e' stata sottoposta anche ai test finali nel laboratorio EMC (Compatibilita' elettromagnetica) di Rüsselsheim prima di ricevere l'omologazione per la commercializzazione.

"L'impegnativo programma di test della nuovissima Opel Astra sta procedendo nel migliore dei modi", ha dichiarato l'ingegnere capo di Astra, Mariella Vogler. "Il team che si occupa dello sviluppo - che, tra l'altro comprende il piu' alto numero di donne ingegnere di sempre - ha creato una nuova Opel Astra particolarmente cool e senza compromessi, che entusiasmera' i nostri clienti".

La nuova Opel Astra e' un esempio di precisione tedesca in ogni dettaglio e punta proprio al cuore del mercato delle compatte. Il design Pure and Bold (puro e audace), le tecnologie di vertice e un'entusiasmante gamma di motorizzazioni, tra cui anche la trazione elettrica plug-in hybrid, renderanno questa vettura un punto di riferimento del proprio segmento.

Come sempre in questo periodo dell'anno, la Lapponia e' una destinazione prediletta dagli ingegneri Opel. In questa occasione, si sono portati la nuova Opel Astra. A temperature di ben -30oC, gli esperti del telaio hanno affrontato giro dopo giro le scivolose superfici dei circuiti appositamente preparati, per ottimizzare continuamente i sistemi a controllo elettronico che si occupano di stabilita', trazione e del sistema antibloccaggio in frenata. L'obiettivo: la nuova Opel Astra deve avere sempre un comportamento sicuro e coerente, indipendentemente dalla superficie, che si tratti di ghiaccio, neve, fanghiglia o asfalto asciutto o bagnato. O in altre parole, deve comportarsi come una Opel, in qualsiasi condizione.

"Durante lo sviluppo ci accertiamo che la nuova serie di Opel Astra offra come sempre a guidatori e passeggeri tanto piacere di guida e comfort", ha dichiarato Andreas Holl, responsabile Opel della dinamica dei veicoli. "Le caratteristiche dinamiche della vettura permettono ai passeggeri di sentirsi sempre sicuri, anche alle alte velocita' in autostrada. Ma Opel Astra offre tantissimo comfort - anche sulle superfici stradali irregolari - per un'esperienza di guida all'insegna del massimo relax".

Quest'anno, durante il soggiorno in Lapponia, i telaisti Opel sono stati accompagnati dai colleghi del reparto "HVAC" (riscaldamento, ventilazione e climatizzazione). Uno dei loro compiti e' far si' che il vano passeggeri si riscaldi rapidamente. Quindi hanno monitorato l'espulsione di calore da parte del motore, il liquido refrigerante, le prestazioni del sistema di riscaldamento e il flusso d'aria della ventola, oltre al volante riscaldabile e al riscaldamento dei sedili anteriori e posteriori.

Ma i test di riscaldamento non vengono condotti esclusivamente affinche' i clienti si sentano al caldo e a proprio agio nelle fredde mattine d'inverno. Il funzionamento del riscaldamento e' anche definito precisamente da norme specifiche e da standard di sicurezza interni ancora piu' rigidi, in base ai quali e' necessario eliminare ghiaccio e condensa dal parabrezza e dai finestrini laterali di una Opel nel piu' breve tempo possibile per garantire visibilita', e quindi sicurezza, a chi guida.

Inoltre dato che la versione ibrida plug-in della prossima serie di Opel Astra avra' un ruolo importante nella prosecuzione dell'elettrificazione della gamma prodotti Opel, i tecnici hanno anche esaminato con grande attenzione i tempi di riscaldamento della batteria agli ioni di litio, per accertarsi che le prestazioni delle cellule rispettassero i livelli richiesti dalla guida elettrica anche nei climi piu' freddi.

(ITALPRESS).

tvi/com

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli