##Dopo report Aiea, Iran vuole rivedere equilibrio intesa nucleare -3-

Fth
·1 minuto per la lettura

Roma, 11 mar. (askanews) - "Ciò nonostante - ha aggiunto il delegato - non è possibile ignorare le responabilità dei Paesi rimasti nell'accordo nucleare. Quello che ci aspettiamo da questi Paesi (è) che procedano a rimediare ai danni e a creare un terreno adeguato per proseguire ad operare sulla base dell'accordo". Riferendosi quindi al disimpegno graduale intrapreso dal suo Paese dall'intesa nucleare dopo il ritiro Usa, il rappresentante iraniano ha sostenuto che "la Repubblica Islamica è totalmente pronta a tornare sui passi intrapresi come risarcimento parziale ma tutto ciò richiede che le altri parti mobilitino tutte le energie al fine di onorare i propri impegni". Insomma, da una parte, Teheran prosegue nella sua strategia di fare pressione sui Paesi europei firmatari dell'accordo nucleare (Francia, Germania e Regno Unito) affinché prendano le distanze dagli Stati Uniti rispetto alle relazioni con l'Iran. Dall'altra parte, Israele continua nella sua strategia in funzione anti-Teheran, convinta che entro "tre o quattro mesi" l'Iran potrebbe trasformare la sua scorta di materiale ad alto arricchimento in una bomba atomica.