Bloccati in Italia per lockdown in quarantena, due turisti Usa visitano per primi Pompei

(Photo: TIZIANA FABI via Getty Images)

Erano in Italia quando è stato annunciato il lockdown: due turisti americani hanno aspettato più di due mesi prima di poter concludere il viaggio nel Bel Paese e visitare Pompei. Sono stati i primi ad entrare nel sito storico, al momento della riapertura. Ora la soddisfazione per aver finalmente concluso la visita è tanta: «Abbiamo atteso con pazienza da allora che le rovine riaprissero», ha spiegato Colleen Hewson entrando nella città distrutta dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

La notizia è stata riportata anche dai media stranieri, come il Daily Mail e Fox News. Dall’inizio di marzo, Colleen e Marvin Hewson, originari del Michigan, si sono rinchiusi nell’appartamento che avevano affittato nella moderna Pompei. A prendersi cura di loro è stata la famiglia da cui avevano preso in affitto l’appartamento attraverso Airbnb.

 

 

Fabio Sposato ha tradotto per loro le notizie, li ha invitati a raccogliere arance e limoni in giardino e anche a fare il limoncello: «Li abbiamo trattati come fossero i nostri genitori. Abbiamo fatto il possibile nonostante le restrizioni», ha affermato. 

Lontani dai loro quattro figli, hanno goduto delle bellezze italiane non appena le restrizioni si sono allentate: ogni giorno facevano una passeggiata verso l’alimentari, ammirando le rovine di Pompei e grazie a Sposato hanno potuto visitare anche la costiera amalfitana. Nonostante il lungo isolamento, hanno affermato che “torneranno presto”.

Leggi anche...

Dopo 40 anni riapre la Casa degli Amanti a Pompei

Love HuffPost? Become a founding member of HuffPost Plus today.

This article originally appeared on HuffPost.