Dosi di coca nella lampadina alogena: pusher arrestato a Milano

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 10 mar. (askanews) - Nella mattinata di ieri a Milano, i poliziotti della locale squadra mobile hanno arrestato un 47enne pregiudicato italiano dopo aver scoperto nel suo appartamento di via Gran San Bernardo, in zona Cenisio, una ventina di dosi di cocaina. La droga era nascosta nella base di una lampadina alogena e all'interno di un caricabatteria per cellulari.

Lo hanno riferito gli stessi investigatori spiegando che l'uomo è stato controllato dai poliziotti che indagavano su un giro di spaccio, mentre si trovava a bordo di un'auto insieme con un suo amico e coetaneo con precedenti per ricettazione. Nella macchina i poliziotti hanno trovato la chiave di un'altra autovettura di cui l'uomo non ha voluto dare spiegazioni. Gli agenti hanno così provato a vedere nei dintorni, scoprendo nella stessa via che la chiave apriva una Toyota Yaris risultata rubata ad una signora milanese nell'agosto 2020.

Qualche ora prima, sempre gli agenti dell'antidroga della Mobile, avevano messo le manette ai polsi di un 25enne pregiudicato italiano trovato in possesso di due etti di hashish e 10mila euro in contanti. Sempre secondo quanto spiegato, il giovane è stato fermato per un controllo dopo essere stato visto entrare e uscire da un box di via General Govone, in zona Mac Mahon. In tasca aveva 100 grammi di "fumo" e altrettanti erano nascosti nel garage che gli aveva prestato un suo amico qualche giorno prima "per lasciare la bicicletta". Il denaro è stato invece sequestrato nel corso della successiva perquisizione in casa del 25enne in via Cenisio, perché ritenuto provento di spaccio.