"Dottore ma è vero che?": nuova scheda dedicata a negazionismo su Aids

Cro-Mpd

Roma, 29 nov. (askanews) - L'AIDS è una malattia inventata? "L'HIV non causa AIDS. Il virus HIV non è mai stato fotografato e isolato. I test dell'HIV sono falsi. L'AIDS è una truffa", "La grande truffa dell'AIDS sta per scoppiare?", "AIDS non esiste": sono solo alcuni degli slogan altisonanti che ancora oggi continuano a circolare sul web e che in parte vengono trattati nella scheda "L'AIDS non è più una minaccia?".

È dedicata al negazionismo dell'Aids la nuova scheda di Dottoremaeveroche, il sito anti fake news della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, pubblicata in vista della Giornata mondiale dell'Aids (1° dicembre). Il negazionismo dell'AIDS essenzialmente origina da aspetti culturali e politici legati alla storia di questa malattia che all'inizio era percepita come una malattia che colpiva solo gli uomini che fanno sesso con altri uomini, i tossici, le minoranze razziali e le classi sociali più disagiate. La conseguenza è stata che l'AIDS veniva etichettato come uno stigma sociale nonostante le evidenze dimostrassero che è causato dall'HIV, che come tutti i virus infetta uomini e donne, indipendentemente dal ceto sociale, dalle preferenze sessuali e dall'etnia. L'AIDS è stato così usato strumentalmente come arma politica per colpire le minoranze sociali e questo a sua volta ha favorito da parte di esse un atteggiamento di difesa che negava l'esistenza dell'AIDS teorizzando che fosse un'invenzione dei "poteri forti".

Il negazionismo, cioè la negazione dell'evidenza e la fabbricazione di prove a sostegno delle proprie teorie, fa parte della nostra storia e della scienza - sottolinea il sito Fnomceo -. Il senso è quello di costruire delle teorie alternative a quelle ufficiali fino a negare l'esistenza di determinati fenomeni. Teorie che non sono provate per definizione e che vengono spesso elaborate in occasioni di eventi tragici, atti terroristici, disastri civili e ambientali o fenomeni che suscitano forte impressione nell'opinione pubblica anche per effetto dell'ampia diffusione da parte della stampa e dei media in generale. Solo per fare alcuni esempi è successo con la teoria darwiniana che per alcuni sarebbe infondata, una teoria non scientifica che si regge su presupposti di carattere filosofico e religioso; con il primo sbarco sulla Luna che secondo alcuni reduci negazionisti non sarebbe mai avvenuto e le storiche riprese sarebbero opera del regista Stanley Kubrick; con l'Olocausto che sarebbe in realtà un'enorme finzione volta a demonizzare la Germania e a sostenere le politiche per la creazione e la difesa dello Stato d'Israele ; e più recentemente, nel 2001, con l'attacco alle Torri Gemelle la cui demolizione non sarebbe stata causata dallo schianto degli aerei ma da un presunto esplosivo posto negli edifici prima dell'11 settembre.