Dottori celebrati a marzo adesso in tribunale

·2 minuto per la lettura
Covid: il risarcimento vittime esclude
Covid: il risarcimento vittime esclude

Molti medici che a marzo venivano celebrati come eroi per aver gestito la prima ondata Covid, adesso, con la seconda, sono costretti a fare avanti e indietro dagli ospedali ai tribunali. Sta accadendo a molti camici bianchi, soprattutto in Lombardia, che si ritrovano sommersi da denunce penali da parte delle famiglie delle vittime di coronavirus. Lo ha spiegato Rosaria Iardino, presidente della fondazione The Bridge, in un editoriale sul quotidiano Il Foglio. “Che fine ha fatto lo scudo penale per il personale sanitario? Gli eroi della prima ondata” di Covid-19 “sono sommersi dalle denunce. La politica faccia qualcosa”.

Covid, “medici eroi” denunciati

“Da marzo sono passati molti mesi – prosegue Iardino – e quelli che erano considerati eroi, dei quali si è osannato il sacrificio, rimangono esposti alla magistratura. Sono ancora tutti eroi, o l’eroismo del personale sanitario ha una scadenza come accade con il latte?”. Questa la domande che si è posta la presidente di ‘The Bridge’. Vedere la solidarietà collettiva che si sbriciola e lascia il posto all’egoismo individuale è deprimente. Oggi, in questa seconda ondata, i nostri medici e i nostri dirigenti ospedalieri continueranno a fare quello che hanno sempre fatto, cioè curare e fare l’impossibile per salvare vite umane. Spero che il Parlamento decida, veramente, di prendersi cura di tutti loro perché ne hanno diritto”.

E ancora: “La responsabilità degli operatori sanitari doveva essere limitata dal Decreto legge 17 marzo 2020, n. 18. Ma il Governo ha bocciato l’emendamento e tra giugno e settembre i nostri eroi sono stati sommersi da una valanga di denunce penali. E si badi bene che non si tratta di denunce legate a truffe per aver speculato su questa pandemia. Sono denunce arrivate per le morti avvenute negli ospedali, nelle Rsa, all’ospedale di Bergamo che è un simbolo di resilienza contro il Covid. Decine e decine di denunce contro i sanitari che hanno curato e sostenuto i pazienti”.