Dove è stata sospesa la vaccinazione con AstraZeneca?

·1 minuto per la lettura
AstraZeneca
AstraZeneca

A seguito di decessi o reazioni gravi da parte di soggetti che avevano ricevuto il vaccino AstraZeneca, diversi paesi tra cui l’Italia hanno sospeso le somministrazioni in attesa di studi e accertamenti: quali sono?

Paesi che hanno sospeso AstraZeneca

Oltre al nostro, tra gli stati che hanno deciso di bloccare le iniezioni del siero di Oxford vi sono Francia e Germania. Il ministro della Salute italiano si sarebbe infatti consultato con loro prima di informare il Premier Draghi, che a quel punto avrebbe deciso di uniformarsi agli altri paesi europei ordinando la sospensione.

Gli altri paesi che hanno attuato la stessa precauzione sono: Islanda, Lettonia, Lussemburgo, Norvegia, Lituania, Austria, Irlanda, Estonia, Danimarca, Bulgaria e Svezia. Il Regno Unito, che da settimane porta avanti una massiccia campagna di vaccinazione e in cui centinaia di migliaia di cittadini hanno già ricevuto il vaccino AstraZeneca, ha invece optato per andare avanti con le somministrazioni.

Si tratta comunque di una sospensione temporanea attuata a scopo precauzionale dopo alcuni casi di reazioni avverse – è ancora da dimostrare se siano legate all’iniezione. Si tratta in particolare, secondo i dati forniti dalla stessa azienda farmaceutica e aggiornati all’8 marzo, di 15 trombosi e 22 embolie su un totale di 17 milioni di vaccinati. In Italia invece, su 2 milioni di cittadini che hanno ricevuto il siero, si sono verificati una decina di decessi. Tra questi un vicepreside di Vergato, un professore di Biella, un bidello di Napoli e tre membri delle forze dell’ordine della Sicilia.