Dow Jones, Nasdaq a massimi storici, focus su piano stimolo Biden

di Devik Jain e Medha Singh
·2 minuto per la lettura
Il presidente eletto statunitense Joe Biden

di Devik Jain e Medha Singh

(Reuters) - Il Dow Jones e il Nasdaq toccano oggi nuovi massimi storici in attesa del pacchetto di stimolo contro la pandemia proposto dal presidente eletto Biden per rinvigorire un'economia sofferente, con dati che evidenziano la debolezza del mercato del lavoro.

Intorno alle 17,00 italiane, il Dow Jones avanza di 119,08 punti, o dello 0,36%, a 31.179,55, l'S&P 500 strappa 9,46 punti, o lo 0,25%, a 3.819,30 e il Nasdaq guadagna 80,88 punti, o lo 0,62%, a 13.209,84.

Il rapporto settimanale del Dipartimento del Lavoro sulla disoccupazione ha mostrato un aumento superiore alle attese del numero di richieste di sussidi di disoccupazione durante la scorsa settimana, evidenziando l'impatto della nuova ondata di Covid-19.

"Per un po' di tempo gli investitori hanno immaginato lo scenario uno volta che saranno stati somministrati tutti i vaccini e la peggiore fase della pandemia sarà alle spalle", ha detto Rick Meckler, partner di Cherry Lane Investments in New Jersey.

Delta Air Lines guadagna circa il 3% dopo che il Ceo Ed Bastian ha definito il 2021 come "l'anno della ripresa", dopo che la pandemia di coronavirus ha inflitto la prima perdita annuale del gruppo in 11 anni.

Il settore d'aviazione S&P 1500 strappa il 3,4%.

Cinque settori dell'S&P su 11 scambiano in rialzo a inizio sessione, in particolare il settore energia, il finanziario e l'industriale, settori legati all'andamento dell'economia.

L'indice small-cap Russell 2000 avanza ai massimi storici.

Secondo gli analisti, le incertezze politiche a breve termine a Washington, il costante aumento dei contagi di coronavirus e la distribuzione dei vaccini più lenta del previsto potrebbe limitare i guadagni dell'azionario nel breve termine.

Il titolo statunitense di Taiwan Semiconductor Manufacturing guadagna oltre l'11% dopo che il gruppo ha riportato il miglior utile trimestrale della propria storia, aumentando le stime di ricavi e investimenti a livelli record.

L'indice dei semiconduttori di Philadelphia balza del 2,3% a massimi storici.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia)