Nuovo Dpcm, bozza: stop palestre e piscine

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall'Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle Regioni e dalle Province autonome, ai sensi dell' art. 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020". E' quanto si legge nella bozza del nuovo Dpcm.

A quanto apprende l'Adnkronos da autorevoli fonti di governo, è stata confermata nel Dpcm la chiusura di cinema, teatri, palestre e piscine nel corso della riunione tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza conclusasi a tarda notte. La norma aveva visto, nella mattinata di sabato, la forte contrarietà del ministro allo Sport Vincenzo Spadafora, protagonista di uno scontro con il responsabile della Cultura, Dario Franceschini.