Draghi accelera per “dl Imprese” entro mese, ipotesi 40 mld

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 apr. (askanews) - Il presidente del Consiglio Mario Draghi stringe i tempi per il varo del nuovo decreto Sostegni, oggi ribattezzato "Dl Imprese" da Enrico Letta e Matteo Salvini dopo il loro incontro. L'obiettivo del premier, spiegano fonti di governo, è approvarlo entro il mese di aprile, con dimensioni maggiori rispetto ai 32 miliardi del precedente intervento. Un'ipotesi allo studio dei tecnici, secondo quanto si apprende, è quella di una cifra intorno ai 40 miliardi di euro.

Mercoledì prossimo, spiegano fonti dell'esecutivo, dovrebbe tenersi il Consiglio dei ministri che dovrà dare via libera al Documento di economia e finanza (Def), che conterrà anche il nuovo scostamento di bilancio. La seduta non è stata ancora convocata ufficialmente, ma il termine del 14 è stato già comunicato al Parlamento per la trasmissione del documento. L'esame in Aula alla Camera è stato già previsto per il 22. Dopo il via libera parlamentare allo scostamento, sarà approvato il decreto, "entro la fine del mese", assicurano le fonti. Ieri, in conferenza stampa, Draghi aveva anticipato che il nuovo intervento dovrebbe avere dimensioni maggiori del precedente, che era stato di 32 miliardi. Il leader della Lega Matteo Salvini, vedendo ieri Draghi, aveva chiesto 50 miliardi, ma è più probabile che la cifra finale sarà intermedia, intorno ai 40 mld. Per quanto riguarda i numeri del Def, Bankitalia sottolinea che "come indicato in gennaio dal Ministro dell'Economia e delle finanze del precedente Governo il provvedimento porterebbe meccanicamente la stima dell'indebitamento netto del 2021 all'8,8 per cento del Pil" ma "il quadro di finanza pubblica verrà rivisto alla luce dell'aggiornamento delle previsioni macroeconomiche e dell'ulteriore richiesta di scostamento".

Oggi Draghi è stato al lavoro nel suo ufficio, dove ha avuto vari incontri. Tra gli altri, ha visto il Commissario Ue per gli Affari economici e finanziari Paolo Gentiloni, con cui ha discusso dell'attuale situazione economica europea, e il segretario del Pd Enrico Letta. Con il leader Dem, spiegano fonti del Nazareno, hanno parlato soprattutto di agenda di governo e situazione economica. Letta ha anzitutto posto la priorità sul decreto imprese, di cui aveva parlato oggi anche con il leader della Lega Matteo Salvini. Si è discusso delle iniziative da prendere a sostegno delle categorie produttive più provate dalla crisi, a partire da Pmi e partite Iva. Altro tema di discussione è stato il Pnrr: Letta, spiegano le fonti, ha illustrato il lavoro di proposta politica fatto in queste settimane dalla nuova segreteria, impostato su tre priorità: giovani, donne e sud. Il tutto da inquadrare nella prospettiva della sostenibilità sociale e ambientale.