Draghi: in Afghanistan tutelare i diritti umani e contrastare il terrorismo

·1 minuto per la lettura

AGI - La situazione in Afghanistan è stata oggi al centro dei colloqui telefonici del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, con il Presidente russo, Vladimir Putin, e con il Presidente francese, Emmanuel Macron.
   Il colloquio con Putin ha offerto l'occasione per un'analisi articolata della situazione sul terreno in Afghanistan e delle sue implicazioni regionali. Sono stati discussi gli indirizzi che potranno ispirare l'azione della comunità internazionale nei diversi contesti diretta a ricostruire la stabilità dell'Afghanistan, a contrastare il terrorismo e i traffici illeciti e a difendere i diritti delle donne. 
   Con Macron Draghi ha discusso le diverse implicazioni della crisi afghana, comprese la gestione del fenomeno migratorio e la tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali nel Paese. Sono stati inoltre discussi gli indirizzi che potranno informare l'azione della Comunità internazionale nei diversi contesti, quali G7 e G20, a favore della stabilità dell'Afghanistan.
   L'Italia nel 2021 ha la Presidenza del G20 e la Russia ne fa parte. L'unico Paese del G20 che confina con l'Afghanistan è la Cina.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli