Mario Draghi al vertice Ue: "Mossa di Biden sui brevetti ha aperto una porta, vedremo"

·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
Italy's Prime Minister Mario Draghi (Photo: FRANCISCO SECO via Getty Images)
Italy's Prime Minister Mario Draghi (Photo: FRANCISCO SECO via Getty Images)

“La proposta di Biden ha aperto una porta, poi vedremo. C’è chi protegge la sacralità del brevetto e chi è più aperto”. Così il primo ministro Mario Draghi al termine del vertice europeo di Oporto.

“La posizione” di Washinton sui brevetti per i vaccini anti-Covid “deve essere ancora capita nella sua completezza”, ha sottolineato il premier italiano, mantenendo una linea di cautela. “Un’applicazione temporanea circoscritta” della liberalizzazione dei brevetti “non dovrebbe costituire un grande disincentivo alla ricerca e alla produzione di altri vaccini. Ma se si va al di là di questo la situazione è molto più complessa perché liberalizzare il brevetto non garantisce la produzione dei vaccini”.

Il premier ha poi ribadito che “prima di arrivare” alla liberalizzazione dei brevetti “bisognerebbe fare cose più semplici, tipo la rimozione del blocco alle esportazioni che oggi gli Stati Uniti per primi e il Regno Unito continuano a mantenere. È dato di oggi che l’Europa esporta tanto quanto ha dato ai propri cittadini: il 50% della produzione dell’Unione è andata al Canada o a Paesi che bloccano le esportazioni”.

Un concetto ribadito dalla presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen: “L’Ue è farmacia del mondo ed è aperta per il mondo. Il 50% delle dosi finora prodotte in Ue sono state esportate in 90 Paesi del mondo, invitiamo gli altri a fare lo stesso. Questo è il modo migliore per estendere la diffusione dei vaccini adesso”. Von der Leyen, che ha anche citato il progetto Covax, ha precisato che la questione dei brevetti non è risolutiva sul breve termine, ma è una questione “per il lungo termine”.

Per Draghi, “bisogna accelerare la produzione con il trasferimento tecnologico e l’i...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli