Draghi avverte: l’economia riparte, ma la pandemia non è finita

·1 minuto per la lettura
featured 1410820
featured 1410820

Roma, 1 lug. (askanews) – “A più di un anno dall’esplosione della crisi sanitaria, possiamo finalmente pensare al futuro con maggiore fiducia. La campagna di vaccinazione procede spedita, in Italia e in Europa. Dopo mesi di isolamento e lontananza, abbiamo ripreso gran parte delle nostre interazioni sociali”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, intervenendo all’accademia dei Lincei.

“L’economia e l’istruzione sono ripartite. Dobbiamo però essere realistici: la pandemia non è finita. Anche quando lo sarà, se lo sarà, avremo a lungo a che fare con le sue conseguenze. Una di queste è il debito”, ha aggiunto.

“Dobbiamo fronteggiare l’emergere di nuove e pericolose varianti del virus. Rimaniamo pronti a intervenire con convinzione nel caso ci fosse un aggravarsi della pandemia tale da provocare danni all’economia del Paese”, ha avvertito il presidente del Consiglio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli