Draghi da oggi a New York, a Onu per confermare sostegno Italia

Image from askanews web site
Image from askanews web site

New York, 19 set. (askanews) - Il presidente del Consiglio Mario Draghi arriva oggi pomeriggio a New York, dove da domani parteciperà all'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Già questa sera (nella notte in Italia) però Draghi riceverà il premio "World Statesman", in occasione della 57/ma edizione dell'Annual Awards Dinner della "Appeal of Conscience Foundation", una organizzazione interreligiosa. Il premio viene attribuito a Draghi per la sua "lunga leadership poliedrica nella finanza e nel pubblico servizio - si legge nella nota della Fondazione - di cui hanno beneficiato l'Italia e l'Unione europea e che ha aiutato la cooperazione internazionale". Draghi - ha affermato il rabbino Schneier, presidente e fondatore dell'organizzazione, - "è un leader con grandi capacità di visione, che unisce e possiede le competenze finanziarie e politiche necessarie per affrontare le complesse questioni economiche, umanitarie e geopolitiche che il mondo ha davanti". Nel corso della cerimonia, alle 20.45 ora locale è prevista la laudatio di Henry Kissinger mentre le conclusioni saranno affidate all'intervento del presidente del Consiglio.

Domani si aprirà la 77ma sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni unite, che torna in presenza dopo la pandemia. La missione di Draghi all'Onu offrirà l'occasione per confermare il "pieno sostegno" italiano all'Organizzazione e alla sua azione di rafforzamento della governance globale. L'Italia ha da sempre un forte impegno all'interno dell'Onu: è il primo contributore di caschi blu tra i Paesi occidentali e settimo contributore sia al bilancio ordinario, sia a quello del peacekeeping. Inoltre è all'undicesimo posto per i contributi consolidati (sia volontari, sia obbligatori) e ospita a Roma il polo dell'alimentazione (FAO, IFAD, PAM), nonché la grande base di servizi ONU a Brindisi, lo Staff College (formazione) a Torino e un polo scientifico a Trieste. L'Italia è inoltre impegnata nella promozione dei diritti umani, attraverso campagne internazionali di grande impatto (mutilazioni genitali femminili, matrimoni precoci, moratoria sulla pena di morte).

Al centro dei lavori dell'Assemblea, presieduti dal neo eletto presidente dell'Assemblea Generale, il diplomatico ungherese Csaba Korösi, vi saranno le crisi in corso - guerra in Ucraina, pandemia, sfide umanitarie, cambiamenti climatici, minacce all'economia globale - e le possibili soluzioni secondo un approccio solidale e sostenibile. In particolare, gli effetti della crisi in Ucraina sulla sicurezza alimentare e sul clima e l'energia sono le priorità all'attenzione anche del Segretario Generale Guterres. Intorno a questo filo conduttore sono stati concepiti i principali eventi che avranno luogo durante l'assemblea e che vedranno l'Italia rappresentata anche dai ministri della Transizione ecologica Roberto Cingolani, dell'Istruzione Patrizio Bianchi e dalla viceministra agli Esteri Marina Sereni. In programma Summit e Tavole rotonde sullo stato di attuazione dell'Agenda 2030; sul tema dell'istruzione e dell'evoluzione dei sistemi educativi in attuazione dell'Agenda 2030; il "Global Food Security Summit"; la Tavola Rotonda sul clima - "Climate Moment".

Il Dibattito generale al quale parteciperà Draghi si aprirà domani mattina (pomeriggio in Italia) e sarà incentrato sul tema: "A watershed moment: transformative solutions to interlocking challenges". I lavori saranno aperti dagli interventi del presidente dell'Assemblea Generale e del Segretario Generale, seguito dallo statement del presidente del Brasile, primo firmatario della Carta delle Nazioni Unite. Il tradizionale intervento del presidente degli Stati Uniti, Paese ospite, si svolgerà la mattina del 21 settembre: Joe Biden ha posticipato infatti la sua presenza a New York, per partecipare ai funerali della Regina Elisabetta II.

Alle ore 11.15 di domani (le 17.15 italiane), il presidente del Consiglio si trasferirà al Jay Suites di Broadway per un breve saluto ai 150 giovani provenienti da tutto il mondo che partecipano all'evento "Youth4Climate", organizzato dal Ministero della Transizione Ecologica e dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), come seguito della Conferenza sul clima svoltasi lo scorso anno a Milano. Nel pomeriggio americano, al Palazzo di Vetro, Draghi incontrerà Korösi e, alle ore 19.45 (ora locale) pronuncerà il suo intervento in Assemblea Generale.

Il giorno seguente, nel pomeriggio, il premier incontrerà il Segretario generale Guterres e potrebbe poi partecipare, al Palazzo delle Nazioni Unite, ad alcuni eventi a margine dell'Assemblea generale.