Draghi fa convocare Speranza e gli scienziati: il punto sui contagi

·1 minuto per la lettura
Draghi settore pubblico
Draghi settore pubblico

Il Premier Mario Draghi ha convocato il ministro della Salute Roberto Speranza, il Presidente dell’ISS Silvio Brusaferro e il Presidente del CSS Franco Locatelli per fare il punto sulla situazione epidemiologica italiana: preoccupato dal contesto europeo e da un numero di morti giornaliero sopra quota 500, ha voluto conoscere ogni numero riguardante l’evoluzione dei contagi nelle varie aree del paese.

Draghi chiama Speranza e il Cts

Il titolare della Salute e i due esperti sono giunti a Palazzo Chigi per aggiornare il capo del governo sugli ultimi dati e per passare in rassegna l’andamento dei contagi e delle terapie intensive soffermandosi laddove si è superato il livello di guardia. Nell’ora e mezza di confronto Draghi ha voluto conoscere a tutto tondo i dettagli della situazione italiana in vista del prossimo decreto che entrerà in vigore il 6 aprile delle cui misure, secondo indiscrezioni, non si sarebbe parlato nel corso della riunione.

Il Premier vorrebbe allentare le restrizioni (tra cui l’apertura delle scuole elementari, e forse medie, anche nelle zone rosse), ma affinché ciò avvenga è necessario che la curva dei contagi mostri segni di rallentamento. Di questo si occuperà la cabina di regia che dovrebbe essere convocata mercoledì 24 marzo per esaminare le nuove norme da mettere in campo.

Dopo il vertice tra Draghi, Speranza e gli scienziati, a Palazzo Chigi il sottosegretario Roberto Garofoli ha avuto un confronto con il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini e lo stesso ministro della Salute per iniziare a ragionare sul prossimo decreto.