Draghi firma Dpcm, dal 15 ottobre gli statali tornano in ufficio

·1 minuto per la lettura
ROME, ITALY - 2021/09/23: The president of the Council of Ministers Mario Draghi speaks at the annual conference of Confindustria, at the Palazzo dello Sport.
Confindustria, is the Italian employers' federation and national chamber of commerce. (Photo by Vincenzo Nuzzolese/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)
ROME, ITALY - 2021/09/23: The president of the Council of Ministers Mario Draghi speaks at the annual conference of Confindustria, at the Palazzo dello Sport. Confindustria, is the Italian employers' federation and national chamber of commerce. (Photo by Vincenzo Nuzzolese/SOPA Images/LightRocket via Getty Images) (Photo: SOPA Images via Getty Images)

La modalità ordinaria di lavoro nelle Pubbliche amministrazioni dal 15 ottobre torna ad essere quella in presenza. Lo prevede il Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi. Le PA assicureranno che il ritorno in presenza avvenga in condizioni di sicurezza, nel rispetto delle misure anti Covid-19.

“Dal 15 ottobre ci sarà il ritorno in presenza di tutta la pubblica amministrazione” aveva annunciato in mattinata il ministro della Pa, Renato Brunetta, a margine della cerimonia di consegna dei Premi Leonardo. “Questo - aveva aggiunto - per accompagnare la crescita e la vita dei cittadini che hanno diritto, dopo 18 mesi difficilissimi, incerti e tragici, di ricominciare a vivere”.

Lo smart working lascerà il posto al lavoro in presenza però in modo graduale. Brunetta ha spiegato che il contratto che disciplinerà lo smart working per i dipendenti pubblici potrebbe essere maturo “nell’arco di un mese”. “Il nuovo smart working avrà necessariamente una base dal punto di vista informatico, avrà dei device e delle strutture, una organizzazione dedicata per obiettivi e avrà la condizione della soddisfazione dei cittadini e delle imprese perché deve servire per migliorare l’efficienza e la produttività”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli