Draghi: "La priorità del governo è che la scuola sia aperta in presenza"

·1 minuto per la lettura

AGI - Le scuole rimarranno aperte come "accade negli altri Paesi". Lo dice il premier Mario Draghi, spiegando i motivi per cui il governo ha lasciato aperti gli istituti scolastici. "Il governo ha la priorità che la scuola sia aperta in presenza", sottolinea il premier in conferenza stampa per illustrare le misure varate la scorsa settimana contro il Covid.

"Basta vedere quali sono state le diseguaglianze tra gli studenti. La Dad procura diseguaglianze destinate a restare e che si riflettono sul futuro della vita" degli studenti, osserva il presidente del Consiglio.

"Tutto quello che abbiamo deciso si fonda su un dialogo con gli enti locali che è costruttivo ed è continuo", ha aggiunto Draghi riferendosi alla posizione di alcuni presidenti di Regione sulle aperture delle scuole in presenza.

Per Draghi, "non ha senso chiudere la scuola prima di aver chiuso tutto il resto, ma oggi non c'e' motivo per farlo, bisogna respingere un ricorso generalizzato della didattica a distanza".

La scuola "è fondamentale per la democrazia, va tutelata"ha affermato il premier.

"Bisogna affrontare il 2022 con realismo, fiducia e unità", ha aggiunto il premier. "Vogliamo essere cauti" ma anche minimizzare gli effetti della pandemia sui ragazzi" e i risvolti "dal punto di vista economico e sociale".

Quanto all'obbligo vaccinale per gli over 50, ha dichiarato Draghi, "chi ha più di 50 anni corre maggiori rischi". "La circolazione del virus mette di nuovo sotto pressione i nostri ospedali in particolare per l'effetto della popolazione non vaccinata".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli