Draghi non vede problemi su nodo pagamento gas russo in rubli

Il presidente del Consiglio Mario Draghi a Roma

WASHINGTON (Reuters) - La richiesta russa di pagare il gas in rubli non dovrebbe comportare problemi in termini di interruzione delle forniture o di violazione del quadro sanzionatorio, secondo il presidente del Consiglio, Mario Draghi.

"Sono fiducioso", ha detto Draghi durante la visita negli Stati Uniti, dove ieri ha incontrato il presidente americano Joe Biden.

"Non c'è un pronunciamento ufficiale [su cosa costituisca una violazione delle sanzioni]. Si tratta di una zona grigia, il più grande importatore di gas in Germania ha già pagato in rubli e la maggior parte degli importatori di gas ha già aperto i propri conti in rubli con Gazprom", ha detto Draghi.

(Giuseppe Fonte, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli