Draghi "Pa centrale nella pandemia, c'è molto da fare"

Redazione
·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "Il patto è sicuramente un evento di grande importanza per il metodo, per il contenuto e per questa relazione di dialogo che c'è, ma è il primo passo, il molto, se non quasi tutto, resta da fare". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in occasione della firma a Palazzo Chigi del patto per l'innovazione del lavoro pubblico tra Governo e Sindacati. "Se guardiamo la situazione attuale - ha spiegato - concludiamo che c'è molto da fare. L'età media oggi è di 50, quasi 51 anni, vent'anni fa era di 43 anni. Quindi dal punto di vista demografico, per ragioni che trovano la loro radice in eventi anche lontani, è stato un progressivo indebolimento della struttura della Pubblica Amministrazione. Un secondo aspetto - ha continuato - è la formazione". "In questa situazione - ha spiegato - avvengono due cose: la pandemia che ci ha fatto riflettere su molti aspetti del nostro modo di vivere e certamente ci ha rivelato la centralità del settore pubblico nel proteggere il nostro modo di vita e anche la qualità della nostra vita, e il secondo evento è il Piano di Ripresa e Resilienza. Questi due eventi - ha concluso Draghi - richiedono nuove professionalità e quindi richiedono investimenti in formazione, nuove forme di lavoro e nuove regole. Questo è quello che oggi stiamo cominciando".

(ITALPRESS).

bla/ads/mgg/red