Draghi: "Per la ripresa serve l'impegno sinergico di tutti"

·2 minuto per la lettura

AGI - "La ripresa di un Paese, più che mai in questo delicato momento, poggia sulla collaborazione e sullo sforzo sinergico di tutti i poteri e le istituzioni che devono essere in grado di accompagnare l'evoluzione della società, rispondendo alle esigenze di rilancio dell'economia, senza prescindere dalla necessaria considerazione delle istanze di equità sociale e di tutela dei diritti e degli interessi legittimi". E' il messaggio inviato a Torino dal presidente del Consiglio Mario Draghi in occasione dell'incontro "Dai 190 anni dell'editto di Racconigi ai 50 anni della legge istitutiva dei tribunali amministrativi regionali", organizzato al Teatro Carignano alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

"Tutto questo presuppone una giustizia amministrativa efficiente e di qualità - ha aggiunto Draghi - improntata a regole chiare, a tempi certi e alla tutela delle posizioni giuridiche. In sede di Piano nazionale di ripresa e resilienza è stato valorizzato il ruolo della giustizia amministrativa individuando, come noto, misure di rafforzamento finalizzate a incrementare la produttività e a ridurre l'arretrato. Per la realizzazione di questo obiettivo del Piano e più in generale per garantire anche per il nuovo contenzioso la ragionevole durata del processo, confido nel contributo fattivo della intera magistratura amministrativa".

E infine: "So che i tempi della giustizia amministrativa italiana sono già oggi competitivi con quelli di altri paesi europei, ma quello che serve in questo momento è consolidare una visione della giurisdizione, specie quella amministrativa, che sia sempre più consapevole dell'impatto economico delle proprie decisioni e che da tale consapevolezza sappia trarre non certo un condizionamento dei giudizi, ma un utile elemento di conoscenza. Il giudice deve applicare le norme ad una realtà che è mutevole e per farlo deve comprendere e conoscere quella realtà".

"Nell'augurarvi buon lavoro, mi permetto di trasmettere i sentimenti di fiducia sul futuro del nostro Paese che caratterizzano questo momento storico, in cui serve, nell'ambito delle rispettive competenze, il massimo impegno di tutte le istituzioni, al fine di superare, anche grazie alle risorse del Piano, la attuale crisi e consegnare alle generazioni future un'Italia migliore e quindi anche una giustizia amministrativa migliore", conclude Draghi. 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli