Draghi ringrazia Giappone per carichi Gnl reindirizzati in Europa

Il presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi e il primo ministro giapponese Fumio Kishida durante una conferenza stampa a Palazzo Chigi

ROMA (Reuters) - Italia e Giappone ribadiscono la condanna all'attacco russo in Ucraina e il premier Mario Draghi ringrazia Tokyo per aver reindirizzato verso l'Europa carichi di gas naturale liquefatto (Gnl) già contrattualizzati per aiutare a gestire la crisi energetica dovuta alla guerra contro Kiev.

Lo ha detto Draghi in una dichiarazione congiunta con il primo ministro Fumio Kishida al termine di un colloquio a Palazzo Chigi.

"Nel nostro colloquio abbiamo riaffermato la condanna all’invasione russa dell’Ucraina. Italia e Giappone sono impegnate perché si arrivi il prima possibile a tregue, anche localizzate, per permettere le evacuazioni di civili e favorire i negoziati di pace", ha detto Draghi.

"I nostri Paesi sono alleati anche nella gestione delle emergenze legate alla guerra, prima fra tutte quella energetica. Ringrazio il Giappone per aver accettato con straordinaria prontezza che carichi di gas naturale liquefatto già pre-contrattualizzati con Paesi terzi siano reindirizzati verso l’Europa", ha aggiunto.

Draghi ha ricordato che il Giappone è il secondo mercato asiatico per le esportazioni italiane.

"Nel 2021 l’interscambio tra i nostri Paesi è stato di 12 miliardi di euro. Dobbiamo rafforzare i nostri partenariati industriali - in particolare in settori innovativi, come l’energia rinnovabile, le biotecnologie, la farmaceutica, la robotica, l’aeronautica".

Draghi e Kishida condividono infine la preoccupazione per i test missilistici del regime nordcoreano.

(Francesca Piscioneri, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli