Draghi spegne il bazooka a fine anno, prepariamoci a cavarcela da soli

Huffington Post

Lo stop al quantitative easing è stato fissato: dicembre 2018. La Banca centrale europea ridurrà gli acquisti di titoli a 15 miliardi al mese da ottobre a dicembre, per poi portarli a zero da gennaio in poi. Il bazooka, però, resterà nella cassetta degli attrezzi della Bce, pronto per essere riutilizzato in caso di necessità.

Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha spiegato che la decisione sulla fine del Qe, adottata dal board all'unanimità, è arrivata dopo "un'attenta valutazione dei progressi fatti", la cui conclusione è che l'aggiustamento dell'inflazione verso l'obiettivo (intorno al 2% ndr) è "sostanziale". Le stime per l'inflazione dell'Eurozona sono state infatti riviste al rialzo: le nuove previsioni riportano una crescita costante dell'1,7% per il triennio 2018-2020 rispetto all'1,4 per cento stimato in precedenza.

"La Bce è pronta a rivedere i propri strumenti di politica monetaria" se fosse necessario per assicurare il necessario livello di stimolo, ha rassicurato Draghi. Questo perché - ha spiegato - per l'Eurotower sono ancora necessari "significativi stimoli monetari per sostenere l'ulteriore accumulo di pressione sui prezzi interni e l'andamento dell'inflazione nel medio termine". In altre parole: è stato deciso lo stop del Qe a fine anno, ma Draghi ha sottolineato che il programmi di acquisto dei titoli "non sta scomparendo, ma rimane nella cassetta degli attrezzi" e quindi potrà sempre essere usato "per contingenze che ora non vediamo". Sempre sul fronte della rassicurazione si colloca la decisione di continuare "a lungo" i reinvestimenti dei bond in scadenza acquistati con il Qe, dando così ancora liquidità al mercato.

Draghi ha anche parlato dell'Italia, sottolineando che non c'è stato nessun contagio, essendo stata la crisi politica un "episodio locale". Poi l'invito a "non drammatizzare" gli eventi politici e le scelte dei singoli Paesi. "Abbiamo visto sì un aumento generalizzato dei rendimenti sovrani a causa di una...

Continua a leggere su HuffPost