Draghi: su catasto operazione trasparenza, nessuno pagherà di più

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 set. (askanews) - Il governo vuole procedere ad una "operazione trasparenza" sulle rendite catastali con "l'impegno" a che "nessuno paga di più e nessuno paga di meno". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, rispondendo ad una domanda in conferenza stampa a palazzo Chigi.

"È presto per quantificare quante risorse verranno appostate per la riforma fiscale. Dobbiamo ancora fare il passaggio prima, presentare la legge di delega fiscale, l'involucro, i principi che lo sostengono". E sul catasto "si fa una presentazione di tipo informativo, statistico. L'impegno del governo è che non si paga nè più nè meno di prima, ma rivedere le rendite come sono state fissate. L'Italia geografica è più grande dell'Italia catastale, biosgna andare in fondo a questo problema", ha detto Draghi.

Il premier ha proseguito: "La tassazione avviene in questo modo: si prende un numero di non so quanti anni fa, la rendita catastale, lo si moltiplica per 160 e si ottiene un importo, questo è il succo, quello che ho capito. Perchè 160? È un altro numero che non ha alcun senso, come quello della rendita". Dunque "vogliamo fare un'operazione di trasparenza, si arriva a determinare le rendite catastali attuali e si impegna a non cambiare assolutamente il carico fiscale del catasto: tutti pagheranno la stessa cosa, quanto prima. Nessuno pagherà di più e nessuno pagherà di meno. Ci vorranno anni, per fare questo lavoro. Il governo non si prepara a tassare la prima casa, c'è anzi un'esclusione esplicita di questo punto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli