Draghi telefona al capo di Moderna per forniture extra

·1 minuto per la lettura

AGI - L'Italia potrebbe a breve siglare un contratto con Moderna per avere dosi extra di vaccino rispetto a quelle già previste. E' quanto scrive oggi Repubblica citando una trattativa riservata avviata dal presidente del Consiglio Mario Draghi con la casa farmaceutica statunitense per sondare la possibilità di una fornitura aggiuntiva con il nostro Paese.

Sinora l'azienda ci ha consegnato un milione e 320mila dosi nel primo trimestre, in base all'accordo stipulato nel novembre scorso con la Commissione Europea (160 milioni di antidoti per gli Stati membri) e rispettando il cronoprogramma previsto dal Piano Figliuolo. La scorsa settimana la struttura commissariale ha ricevuto circa 500 mila dosi, altrettante sono attese a metà aprile.

La presidente Ursula von der Leyen ha approvato un secondo contratto, a febbraio, per opzionare l'acquisto di altri 300 milioni di dosi nel 2021 e 2022. L'iniziativa di Draghi - scrive sempre Repubblica - si muove fuori dal solco della contrattazione collettiva ma l'accordo diretto è possibile senza violare le nome Ue. L'azienda americana starebbe valutando di accettare la proposta italiana.