Draghi verso Kiev con Scholz e Macron, unità della Ue per l’Ucraina

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 giu. (askanews) - L'Unione europea sostiene e continuerà a sostenere l'Ucraina. E' il "messaggio" che giovedì porteranno a Kiev il presidente del Consiglio Mario Draghi, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il presidente francese Emmanuel Macron, attesi in giornata nella capitale per incontrare il presidente Volodymyr Zelensky, insieme al presidente romeno Klaus Iohannis.

I dettagli e i tempi della visita, per motivi di sicurezza, sono top secret. Ma la decisione dei leader di recarsi in Ucraina insieme è di per sé un segnale di unità di intenti, pur nelle sfumature, di tre Paesi fondatori dell'Ue, proprio mentre Kiev attende il parere della Commissione europea (che dovrebbe arrivare venerdì) sulla richiesta di adesione. Una richiesta che vede nell'Italia uno dei principali sostenitori, con Draghi che, nell'ultimo Consiglio Ue, ha lanciato la proposta di riconoscere simbolicamente all'Ucraina lo status di "candidato".

"L'Italia sostiene e continuerà a sostenere in maniera convinta l'Ucraina, il suo desiderio di far parte dell'Unione Europea", ha ribadito il premier nella sua visita a Gerusalemme. "Non possiamo permetterci la minima debolezza" nei confronti della Russia e "dobbiamo rafforzare la credibilità della nostra dissuasione affinchè la Russia non possa immaginare che può proseguire ulteriormente la sua aggressione", ha detto il presidente francese.

Con Zelensky Draghi, Macron e Scholz discuteranno della situazione della guerra e probabilmente anche della crisi legata al grano bloccato nei porti del Mar Nero. Da parte sua il presidente ucraino ribadirà ai tre leader le necessità del Paese, dal punto di vista economico, militare e umanitario. Proprio oggi Zelensky ha ricevuto il primo ministro albanese, Edi Rama, e il presidente montenegrino, Dritan Abazovic e ha sentito il presidente americano Joe Biden, che gli ha assicurato un altro miliardo di aiuti militari. "I partner internazionali continuano a venire in Ucraina. E questa è una importante manifestazione del sostegno al nostro popolo", ha scritto Zelensky sui social.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli