Dramma a Taranto, uccide la compagna poi tenta il suicidio

·1 minuto per la lettura

Femminicidio con tentato suicidio nella mattinata di martedì 12 ottobre a Manduria, in provincia di Taranto. Un uomo di 75 anni ha ucciso la sua compagna con profondi tagli alla gola, per poi ferirsi a sua volta alle braccia e al collo. 

L’arma, un grosso taglierino, è stata trovata e sequestrata dai carabinieri accorsi sul posto. La coppia conviveva da diversi anni in un appartamento di edilizia popolare di Messapica.

La donna, 70 anni, sarebbe morta quasi subito mentre l’omicida, che avrebbe già confessato, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale Marianna Giannuzzi, dove si trova piantonato e sottoposto a fermo.

Delle indagini si occupano i carabinieri della locale stazione e del nucleo operativo radiomobile della compagnia di Manduria. A scatenare la furia dell'uomo, secondo le prime informazioni, sarebbe stata una lite scoppiata tra i due. A lanciare l'allarme sono stati alcuni vicini dopo aver sentito le urla strazianti della donna.

GUARDA ANCHE - Femminicidio, il valore della prevenzione

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli