Dramma a Pescina: batte la testa cadendo da un muro, bimbo gravissimo

ambulanza-fronte
ambulanza-fronte

Un bimbo di 10 anni è caduto da un muretto sbattendo la testa, mentre giocava con gli amichetti. Il tutto è avvenuto dinanzi agli occhi di questi ultimi. Il piccolo è stato trasferito all’ospedale Bambin Gesù di Roma in elisoccorso. È gravissimo. L’episodio è accaduto a Pescina (L’Aquila) lo scorso 6 agosto. Nel piccolo comune abruzzese c’è paura, ma anche speranza affinché il bambino si salvi. Sono stati gli amici del piccolo a lanciare l’allarme. Secondo quanto ricostruito, il gruppo di ragazzini stava giocando sulla scalinata di Pescina, quando il decenne sarebbe caduto dopo aver perso l’equilibrio.

Bimbo gravissimo: caduto da un muro di tre metri

Come informa FanPage, il bambino è caduto da un muro alto tre metri; il piccolo ha battuto violentemente la testa al suolo ed è rimasto privo di sensi. In seguito all’incidente, è stato allarmato il 118 che è giunto sul posto con un’ambulanza proveniente da Avezzano e l’elisoccorso dall‘Aquila.

Gravi lesioni alla testa

Le condizioni del bambino sono apparse ai sanitari fin da subito molto critiche ed è stato quindi trasferito all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. Qui sul piccolo sono state riscontrate da parte dei medici gravi lesioni alla testa e, vista la situazione molto delicata, è stato deciso di trasferirlo al Bambin Gesù di Roma, dove è stato sottoposto a intervento chirurgico alla testa. Purtroppo le sue condizioni rimangono critiche. Al momento si trova in coma farmacologico.