Droga, blitz della polizia: arrestata banda di albanesi... -4-

Red/Nav

Roma, 1 ago. (askanews) - I sodali provvedevano a consegnare i veicoli in loro uso in Spagna, dove venivano creati dei vani per l'occultamento della cocaina e delle armi, per poi intraprendere il viaggio di ritorno con i carichi di cocaina.

Nello specifico, il capo dell'organizzazione in Italia, Daiu, dotava gli affiliati di telefoni Blackberry (non a loro direttamente riconducibili) con cui comunicavano esclusivamente mediante messaggeria con nick name codificati (Audi, Rolex, ecc.). La droga veniva acquisita direttamente in Olanda, a Rotterdam, da fidati corrieri anche italiani, che trasportavano lo stupefacente su autovetture munite di doppi fondi dotati di sofisticati sistemi di apertura, sia magnetici che meccanici.

L'organizzazione disponeva di un efficientissimo parco macchine ( 14 oggetto di odierno sequestro preventivo e altre 7 sequestrate e confiscate in occasione dell'arresto del Daiu ). Le Autovetture venivano modificate a seconda del quantitativo di stupefacente da trasportate (furgoni/Suv per viaggi transnazionali tra i 15 e i 50 Kg) o per i trasporti di quantitativi di minore importanza (1/5 Kg) per il trasporto di armi e denaro. (Alfa Romeo Giulietta - Nissan Juke - Lancia Delta ).

Le modifiche venivano operate in un' officina in Spagna (Madrid) e pagate tra i 10 e i 20 mila euro ed in alcuni casi anche in cocaina. La banda era in grado di indicare esattamente il quantitativo che poteva essere occultato nel doppio fondo in quanto disponeva di "forme" in legno equivalenti alle dimensioni del panetto standard di cocaina.

La cocaina, nel panetto in sottovuoto, veniva poi confezionata con un' ulteriore copertura di caffè o pepe e ricoperta da nastro isolante (per renderla non individuabile dai cani antidroga). Sul panetto era poi impresso un simbolo o una scritta che era indicativa della qualità dello stupefacente ( maiale - aquila - S8) e veniva successivamente venduta, sulla piazza romana, al prezzo che variava tra i 28 e i 35 mila euro al chilo a seconda del quantitativo acquistato e delle modalità di pagamento (immediato - una settimana - 15 gg - un mese) attraverso i centri di smistamento di San Basilio e Tor Bella Monaca.